Home
Risultato della ricerca: 16 FAQ
1. Qual'è la pendenza max di una rampa.
Categoria: Urbanistica-Edilizia » Sovvenzionata » Quesiti Progettuali » Nuova edificazione | Leggi » |
2. Il nomenclatore tariffario prevede la possibilità di ottenere, in comodato d'uso, un montascale a cingoli utile al superamento delle barriere architettoniche nelle abitazioni dei disabili. Viene però richiesta un'indagine sociale. Quale figura professionale deve svolgere questa indagine?
Categoria: Edilizia-Ausili » Privata » Quesiti Economici | Leggi » |
3. Caratteristiche delle rampe da collocare in un' azienda. Si tratta di una domanda molto generica in cui l'interlocutore non è in grado di fornire ulteriori informazioni di dove va collocata la rampa, che dislivello deve superare, ecc.
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Progettuali » Nuova edificazione | Leggi » |
4. Ho installato una pedana elevatrice a casa, per poter superare una rampa di scale. Purtroppo, per essere certo di non avere brutte sorprese, ho sottoscritto un contratto di manutenzione con la ditta installatrice. La spesa relativa al contratto, che si aggirerà sui 500 euro l'anno, posso in qualche modo recuperarla?
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici » Nuova edificazione | Leggi » |
5. Per accedere ad un museo è stata progettata una rampa in metallo in grado di superare 40 cm. di dislivello. Domanda: occorre prevedere un parapetto pieno?
Categoria: Edilizia » Privata aperta al pubblico » Quesiti Progettuali | Leggi » |
6. L'ingresso del mio condominio e il percorso per raggiungere l'ascensore presentano barriere non superabili. E' quindi necessario un intervento di ristrutturazione con la realizzazione di una rampa e, probabimente, con l'installazione di un servoscale. Questi interventi potrebbero essere utili anche ad altre persone che vivono nel mio edificio. Come posso "costringere" il condominio a lasciarmi realizzare l'intervento? Le relative spese vanno suddivise fra i condomini?
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici » Ristrutturazione | Leggi » |
7. Si vuole installare l'ascensore in un condominio formato da 5 piani. Inizialmente c'e' un'unica rampa dopo si formano due scale. Il vano scala e' di larghezza di 1,20 metri. Il Comune il 30 giugno 1994 ha approvato ai sensi dell'articolo 26 della legge 28 febbraio 1985, n. 47, il taglio della scala riducendola a 0,90 centimetri. Ma la legge 148/87 e il Dm 246/87, dicono che il vano scala non deve essere inferiore a 1,05 metri. E' legittimo che il Comune abbia approvato il taglio della scala?
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici » Ristrutturazione | Leggi » |
8. La costruzione di una rampa che consente l'accesso alla chiesa da parte dei disabili necessita di svilupparsi per un tratto nel cortile parrocchiale e per un altro tratto su suolo comunale (strada).Qual e' la procedura da seguire per poter costruire la rampa?
Categoria: Urbanistica-Edilizia » Privata aperta al pubblico » Quesiti Giuridici | Leggi » |
9. Cambio di destinazione d'uso con opere da residenza ad attività commerciale-direzionale di un'unità abitativa posta in condominio in piani diversi dal piano terra. CASO A: la palazzina, a destinazione residenziale, è già provvista di abitabilità. Nel progetto è stata dimostrata la visitabilità degli spazi comuni e per quanto riguarda la singole unità sono visitabili l'accesso alla zona giorno ed il percorso fino al servizio igienico, il vano scala è stato dimensionato senza prevedere la possibilità di installazione di un ascensore: 1. cambio d'uso è ammissibile con l'installazione di un servoscala per ogni rampa? 2. Se la nuova unità direzionale è posta al piano primo (un solo dislivello), in sostituzione all'impianto di servoscala è ammissibile l'uso di poltrone elevatrici motorizzate messe a disposizione dal titolare dell'attività? 3. E' fatto obbligo al titolare dell'attività direzionale mettere a disposizione una persona in caso di necessità per l'uso del mezzo elevatore? In edifici di non recente costruzione, nei quali l'installazione di servoscala risulterebbe gravosa e di difficile realizzazione, è ammissibile la posa di piattaforma elevatrice di dimensioni inferiori a quanto previsto al punto 5.3.4 dell'allegato alle prescrizioni tecniche della L. R. 6/89? CASO B: palazzina in corso d'opera. Il cambio d'uso da residenziale a direzionale impone l'obbligo di apportare modifiche tali da raggiungere il requisito di accessibilità, ovvero si riconduce al precedente punto (attendere l'idoneità degli alloggi e richiedere successivamente la variazione d'uso? CASO A- - SE LA PALAZZINA E' STATA COSTRUITA DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DEL DM n. 236/1989: a) con più di tre livelli fuori terra: l'ascensore deve essere installato da subito, b) con meno di tre livelli fuori terra: è consentita la presentazione del progetto di adattabilità. In entrambi i casi vedasi l'ultimo capoverso dell'articolo 3.2 del DM n. 236/1989.
Categoria: Edilizia » Privata aperta al pubblico » Quesiti Giuridici » Ristrutturazione | Leggi » |
10. "Edificio con tre livelli fuori terra e altri livelli interrati - Mobilità verticale e ascensori - Computo dei livelli - Esenzione dall'obbligo di installazione immediata dell'ascensore Devo realizzare un nuovo fabbricato residenziale di 4 piani: - uno seminterrato (cioè totalmente contro terra su di un lato, completamente fuori terra su quello opposto e parzialmente interrato sugli altri due) dove si trovano le autorimesse, - e tre fuori terra dove si trovano gli appartamenti. Il vano scala comune parte dal piano terra e non scende fino al seminterrato e quindi collega solamente i tre piani residenziali. Per andare dalle autorimesse al vano scala si esce nel cortile e si sale al piano terra tramite rampe con pendenza inferiore all'8% superando un dislivello complessivo di metri 2,70. In un siffatto fabbricato è necessario installare l'ascensore (in quanto ci sono più di tre livelli), oppure no? (in quanto il quarto livello può ritenersi ""estraneo"" all'edificio dato che non è collegato alla scala e può quindi essere assimilato ad un corpo esterno). "
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici » Nuova edificazione | Leggi » |
11. L'ascensore ha lo sbarco nei pianerottoli intermedi delle scale, per raggiungere le abitazioni e necessario scendere o salire una rampa può l' intervento essere configurato come superamento di barriere architettoniche se oltre all'ascensore viene installato un un servo scala solo nell'ultima rampa di salita, in quanto il condomino disabile risiede in quel piano?
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici » Ristrutturazione | Leggi » |
12. Sono un Tecnico della Prevenzione dell'AUSL, mi trovo ultimamente sempre più spesso domande di utenti che richiedono Relazione Tecnica relativa alle caratteristiche delle barriere architettoniche delle abitazioni ai fini della fornitura di montascale. Sono pertanto con la presente a chiedere cortesemente un conforto dal punto di vista tecnico, vi chiedo: 1) Esiste una traccia da seguire per compilare queste relazioni tecniche? 2) esistono delle misure minime già determinate per l'installazione dei montascale, 3) qualora la struttura non consenta l'installazione di montascale si deve proporre una alternativa (vedi ascensore o simili) o no?
Categoria: Leggi | Leggi » |
13. "Al 3° piano di una palazzina condominiale di 3 piani abita una persona disabile (con le certificazioni del caso). Le rampe della scala condominiale hanno larghezza cm 120 il prospetto del vano scala ha le seguenti misure: 120-30-120 per poter inserire un ascensore avente ingombro minimo di cm 110x110 - che potrebbe essere installato al centro del vano scala -occorre realizzare un restringimento delle rampe di 40 cmcosicche' il vano scala si presenterebbe in prospetto con le seguenti misure 80-110-80 il comune competente per territorio afferma che esistendo l'istituto della deroga che consentirebbe l'installazione dell'ascensore,e' necessario che un tecnico abilitato autocertifichi attraverso la "" d.i.a."" il rispetto di tutti i requisiti e le norme di legge. Il quesito diventa : i diritti di tutti gli altri condomini che si vedono ristretta la scala condominiale di 1/3 (da 120 a 80) potrebbero davvero essere cosi' compressi ?IN CONCLUSIONE: E' LEGITTIMO POTER INSERIRE L'ASCENSORE NEL CASO IN ESAME ANCHE COL PARERE CONTRARIO DEI CONDOMINI? "
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici » Ristrutturazione | Leggi » |
14. In un intervento di ristrutturazione si presenta la necessità di interompere un pianerottolo di profondità 240 cm con un gradino intermedio. C'è qualche riserva da parte della normativa sull'abbattimento delle Barriere Architettoniche?
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Giuridici | Leggi » |
15. Ho installato una pedana elevatrice a casa per poter superare una rampa di scale. Per essere certo di non avere brutte sorprese, ho sottoscritto un contratto di manutenzione con la ditta installatrice. La spesa relativa al contratto, che si aggirerà sui 500 euro l'anno, posso in qualche modo recuperarla?
Categoria: Edilizia » Privata » Quesiti Economici | Leggi » |
16. Esiste una genesi normativa (e se sì, qual è) riguardante l'obbligo di dotare di parapetto le pendenze superiori ai 30 cm. o addirittura 50 cm?
Categoria: Edilizia-Urbanistica » Pubblica » Quesiti Giuridici | Leggi » |
Menu
» Home
» Categorie disponibili
  
» TRASPORTI [25]
  
» URBANISTICA [14]
  
» EDILIZIA [110]
  
» AUSILI [17]
  
» LEGGI [36]
» www.criba-er.it

Ricerca le FAQ
Seleziona i parametri di ricerca e clicca il pulsante procedi.
Categoria:  Trasporti
 Urbanistica
 Edilizia
 Ausili
 Leggi
Parola chiave:

Statistiche
Inserisci lo username e la password per accedere alle statistiche.
Username:
Password:
Se non ricordi i dati di accesso, clicca qui
Home | Contatti | Credits | © 2011 - 2021 CRIBA - CENTRO REGIONALE DI INformAZIONE SUL BENESSERE AMBIENTALE - Privacy Policy
Il sito web di CRIBA non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei social plugin.
Per saperne di più Accetto